Mattia Bacchin: «Il campionato con ogni probabilità finirà qui e spetterà al comitato regionale stabilire le modalità di promozione e retrocessione»

Mattia Bacchin, classe 1994, esterno destro dell’Azzurra Due Carrare

Il mondo dello sport è ormai cristallizzato e in casa Azzurra Due Carrare è tempo di bilanci.
A prendere la parola è l’esterno destro Mattia Bacchin, classe 1994, che esprime così le sue sensazioni sulla realtà assolutamente surreale che l’intero paese sta vivendo.
«La situazione legata al virus non è bella e tra compagni di squadra ci si può sentire solo “virtualmente” – afferma l’ex laterale di Pozzonovo e Monselice – Lo sport è completamente fermo ed è impossibile pure allenarsi. Per noi è un vero peccato, perché prima della sosta venivamo da due risultati utili consecutivi e volevamo allungare la striscia positiva in ottica salvezza. Io nel mio piccolo sto cercando di tenermi in forma, anche se a casa ho uno spazio molto limitato, e la speranza collettiva è quella ovviamente di farsi trovare pronti per un’eventuale ripartenza. Tuttavia anch’io sposo in pieno il pensiero della maggior parte degli addetti ai lavori: il campionato con ogni probabilità finirà qui e spetterà al comitato regionale stabilire le modalità di promozione e retrocessione. Da parte mia spero che tutto si risolva presto e che si torni finalmente a giocare, per passare del tempo tutti insieme da vero gruppo».