Scossone immediato, un rigore di Fantin vale un pareggio prezioso: Mestrino Rubano-Azzurra Due Carrare 1-1

Matteo Fantin: suo il gol su rigore che ha firmato il definitivo 1-1

Il riscatto è servito. Debutto da pollice alto per Valeriano Fiorin, che all’esordio sulla panchina dell’Azzurra Due Carrare strappa un prezioso pareggio esterno sul campo del Mestrino Rubano del grande ex Marco Ottolitri.
Un 1-1 che ferma a tre la striscia di sconfitte consecutive della squadra e che permette di chiudere con il sorriso una settimana difficile, che ha appunto registrato l’addio di mister Paolo Meneghetti e l’arrivo dell’ex tecnico di Pozzonovo e Union Cadoneghe.
Partenza bruciante dell’Azzurra Due Carrare, che scende in campo senza timori reverenziali e va vicinissima al vantaggio con un palo esterno di Thomas Menesello sugli sviluppi di una punizione laterale.
Il Mestrino Rubano non si scompone e a metà frazione mette la freccia con il centravanti Luca Gerini, ingaggiato dall’Abano nella finestra invernale di mercato, che trova l’acuto vincente su palla inattiva.
L’Azzurra non barcolla e riprende a macinare gioco con ordine e personalità: l’1-1 arriva nella ripresa, grazie ad un calcio di rigore conquistato da Enrico Puglisi e trasformato con freddezza dall’ex di turno Matteo Fantin.
«Sono contento – il commento a caldo del direttore sportivo Andrea Stefani – Al di là del risultato, ho visto la prestazione che mi aspettavo dopo una settimana così complicata. Valeriano è stato bravo a toccare le corde giuste e dare lo scossone di cui c’era bisogno. Abbiamo giocato con personalità e coraggio contro una signora squadra, costruita per vincere e forte di un reparto offensivo di incredibile livello. Ora testa a domenica, perché con la Curtarolese ci attende una vera e propria finale».