Terza domenica di fila senza calcio. Andrea Stefani: «L’unico dato certo è che torneremo in campo appena le autorità ce lo permetteranno»

Andrea Stefani: direttore sportivo dell’Azzurra Due Carrare

La terza domenica consecutiva senza calcio costringe l’Azzurra Due Carrare a restare nuovamente ai box e rinviare il sospirato ritorno in campo.
Il comitato regionale della Federcalcio/Lega Dilettanti ha sospeso i campionati fino a data da destinarsi: l’emergenza «Coronavirus» non sembra conoscere tregua e, allo stato attuale, il calcio dilettantistico veneto ne è completamente paralizzato.
«Stiamo vivendo una situazione surreale, per certi versi quasi allucinante – ammette il direttore sportivo biancazzurro Andrea Stefani – Oltre a non poter giocare, non abbiamo nemmeno l’opportunità di allenarci. Sul piano squisitamente sportivo venivamo da una striscia positiva, con due risultati utili consecutivi dopo l’arrivo di mister Fiorin, ma per cause di forza maggiore ci siamo dovuti fermare. È chiaro che non avere continuità negli allenamenti ti fa perdere parecchio: l’unico dato certo è che torneremo in campo appena le autorità ce lo permetteranno. Da qui alla fine mancano otto partite, non so come e quando verranno disputate. In classifica siamo vicini ad Aurora Legnaro e Piovese e, di sicuro, una di noi tre dovrà giocarsi la salvezza ai playout. Restano a disposizione ventiquattro punti: per riuscire a salvarci ne servono almeno dieci-dodici, e non sarà assolutamente facile. Bisognerà dare tutto fino all’ultima goccia di energia».